Imago

Breve descrizione dell'evento: 
Mostra personale di Giovanni Cecchini
Data fine evento: 
Martedì, 26 Giugno, 2018
Data inizio evento: 
Domenica, 10 Giugno, 2018
Regione: 
Descrizione dell'evento: 

Equilibri altri, verso un unico, centrale, regista-attrattore, attore. È lo spazio interpretato, trasfigurato, inventato, sognato, dall’Imago: primo prototipo inconscio della percezione dell’altro, ma anche manifestazione delle proiezioni più remote dell’Io.

Nello Spazio Enoteca del Castello Ginori di Querceto (Montecatini VC – PI), s’inaugura, domenica 10 giugno 2018 alle ore 18, per la rassegna “VininCanto a Castello” dei Marchesi Ginori Lisci, la mostra personale “Imago” di Giovanni Cecchini. Pittore in ascesa, dalla poetica visiva insieme semplice e ad alta complessità interpretativa.

Giovane talento cecinese, classe 1986, scoperto e sostenuto da Claudio Carotenuto, dopo due recenti mostre a Firenze, tra cui la personale “Ricordi immaginari”, nella prestigiosa sede di Palazzo Bastogi, sede del Consiglio regionale della Toscana, conduce la sua arca replicata e onirico-surreale, nella consona atmosfera senza tempo del Castello antico.

Una scena minore che diventa improvvisamente saliente, irresistibile, rivelatrice e totale. Manifesta nei colori caldi e seducenti di tavole ad olio, che ri-animano episodi remoti.

Sulla continuità di una bi-dimensione rapita dall’infinito, dai timbri caldi e arcaici, dalle volute chagalliane, la fiaba assolutamente seria di Giovanni Cecchini, scardina i baluardi della memoria, costruisce una sua temporalità, dove la statica contemplativa e l’urgenza della dinamica ricostruiscono i contorni primitivi e primari, ma dai colori vivi e profondi, dell’Io e dell’identità.

Cappelli che determinano cavalieri notturni, aviatori romantici, disegnatori, capitani o sacerdoti del niente. Ma nel lungometraggio della vita riscoprono i passaggi fondamentali del - loro - cambiamento: si blindano gli occhi della percezione fisica, alla ricerca della realtà, apparentemente invisibile, del vero essere. Quella che concede l’ontologico status a sogni, incubi, illusioni, quesiti aperti, storie irrisolte, scelte sbagliate, ricomposti e ora sospesi, in un lungo viaggio sulle onde della memoria.

E dove tutto ritorna, ma anche sfugge, l’animismo consolatorio di oggetti, piante, e animaletti intenzionali, alleggerisce la rocambolesca rilevazione del Sé e il disagio si manifesta in una pioggia di stelle o in una reiterazione timidamente trionfale di margherite: anticipazione di uno spazio insondato, spesso notturno, un universo profondo nell’intercapedine fra il prima e il dopo.

I simboli restano privati, il cavaliere non è azzurro come quello di Kandinsky, ma buio ed ermetico. Gli episodi sembrano multipli, come in un richiamo a Bosch, ma l’attrattore - e forse il protagonista - resta unico e centralizzante. Per dare un ordine ‘altro’ al caos e un equilibrio improbabile alla più libera immaginazione.

 

Apertura mostra dal 10 al 26 giugno 2018, presso lo Spazio Enoteca, in Via di Borgo: tutti i giorni negli orari 11-13 e 16-20 (martedì chiuso).

Info: Marchesi Ginori Lisci 0588 37472 / cl 345 323 40 42 / www.castelloginoridiquerceto.it.

 

 

 

 

 

 

Per informazioni: 
Marchesi Ginori Lisci 0588 37472 / cl 345 323 40 42
Parole chiave: 
pittura
mostra
surrealismo
Querceto
castello